close
Breaking news

Assicurazione Auto donna costa di più in Veneto: l’inchiesta SosTariffe L’i...read more Trainanti nella crescita del mercato auto nel 2016 Italia, Spagna e Germania Uno...read more Consumatori lamentano scarsa trasparenza su canone in bolletta A partire dal mes...read more Crollo borsa Turchia, le attese e i problemi dopo il colpo di stato fallito Il t...read more

Condizioni per rateizzazione cartelle, ecco quali sono

Condizioni per rateizzazione cartelle: ecco cosa bisogna rispettare per l’adesione all’opportunità offerta dal decreto Quali sono le condizioni per rateizzazione cartelle? La rottamazione delle cartelle fiscali – con Equitalia oppure per mezzo di altri concessionari – è una opportunità che viene data ai contribuenti che vogliono regolarizzare la loro posizione fiscale, e che allo stesso tempo possono usufruire di sconti su interessi e sanzioni. In pratica, appoggiando la rottamazione, si possono rateizzare fino ad un massimo di cinque le cartelle fiscali, ma non si dovranno versare interessi o sanzioni, ottenendo quindi una sostanziale agevolazione. Ci sono però delle condizioni: la prima è quella relativa alla scadenza della domanda, che può essere presentata entro il 31 marzo (e non più entro il 29 gennaio); la seconda condizione importante è relativa alla necessità di rateizzazione in base alle scadenze stabilite, ovvero le prime tre luglio, settembre e novembre 2017, e le altre due rispettivamente ad aprile e settembre 2018. Per aderire alla opportunità di rateizzazione è necessario non saltare alcuna rata; in caso contrario, non si potrebbe più accedere alla possibilità evitare sconti su interessi e sanzioni. Il pagamento delle rate può essere effettuato sia con bollettini postali precompilati; sia con versamento direttamente allo sportello del concessionario dedicato alla riscossione; sia con domiciliazione bancaria (quest’ultima comunque preferita per evitare dimenticanze). Inoltre, per aderire a questa possibilità, è necessario che il contribuente presenti adeguata rinuncia alle liti sulle cartelle esattoriali in oggetto.

Condizioni per rateizzazione cartelle: ecco cosa bisogna rispettare per l’adesione all’opportunità offerta dal decreto

Quali sono le condizioni per rateizzazione cartelle? La rottamazione delle cartelle fiscali – con Equitalia oppure per mezzo di altri concessionari – è una opportunità che viene data ai contribuenti che vogliono regolarizzare la loro posizione fiscale, e che allo stesso tempo possono usufruire di sconti su interessi e sanzioni. In pratica, appoggiando la rottamazione, si possono rateizzare fino ad un massimo di cinque le cartelle fiscali, ma non si dovranno versare interessi o sanzioni, ottenendo quindi una sostanziale agevolazione.

Condizioni per rateizzazione cartelle: ecco cosa bisogna rispettare per l’adesione all’opportunità offerta dal decreto Quali sono le condizioni per rateizzazione cartelle? La rottamazione delle cartelle fiscali – con Equitalia oppure per mezzo di altri concessionari – è una opportunità che viene data ai contribuenti che vogliono regolarizzare la loro posizione fiscale, e che allo stesso tempo possono usufruire di sconti su interessi e sanzioni. In pratica, appoggiando la rottamazione, si possono rateizzare fino ad un massimo di cinque le cartelle fiscali, ma non si dovranno versare interessi o sanzioni, ottenendo quindi una sostanziale agevolazione. Ci sono però delle condizioni: la prima è quella relativa alla scadenza della domanda, che può essere presentata entro il 31 marzo (e non più entro il 29 gennaio); la seconda condizione importante è relativa alla necessità di rateizzazione in base alle scadenze stabilite, ovvero le prime tre luglio, settembre e novembre 2017, e le altre due rispettivamente ad aprile e settembre 2018. Per aderire alla opportunità di rateizzazione è necessario non saltare alcuna rata; in caso contrario, non si potrebbe più accedere alla possibilità evitare sconti su interessi e sanzioni. Il pagamento delle rate può essere effettuato sia con bollettini postali precompilati; sia con versamento direttamente allo sportello del concessionario dedicato alla riscossione; sia con domiciliazione bancaria (quest’ultima comunque preferita per evitare dimenticanze). Inoltre, per aderire a questa possibilità, è necessario che il contribuente presenti adeguata rinuncia alle liti sulle cartelle esattoriali in oggetto.Ci sono però delle condizioni: la prima è quella relativa alla scadenza della domanda, che può essere presentata entro il 31 marzo (e non più entro il 29 gennaio); la seconda condizione importante è relativa alla necessità di rateizzazione in base alle scadenze stabilite, ovvero le prime tre luglio, settembre e novembre 2017, e le altre due rispettivamente ad aprile e settembre 2018.

Per aderire alla opportunità di rateizzazione è necessario non saltare alcuna rata; in caso contrario, non si potrebbe più accedere alla possibilità evitare sconti su interessi e sanzioni. Il pagamento delle rate può essere effettuato sia con bollettini postali precompilati; sia con versamento direttamente allo sportello del concessionario dedicato alla riscossione; sia con domiciliazione bancaria (quest’ultima comunque preferita per evitare dimenticanze).

Inoltre, per aderire a questa possibilità, è necessario che il contribuente presenti adeguata rinuncia alle liti sulle cartelle esattoriali in oggetto.

Tag:

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Il sito usa i cookie (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi