close
Breaking news

Assicurazione Auto donna costa di più in Veneto: l’inchiesta SosTariffe L’i...read more Trainanti nella crescita del mercato auto nel 2016 Italia, Spagna e Germania Uno...read more Consumatori lamentano scarsa trasparenza su canone in bolletta A partire dal mes...read more Crollo borsa Turchia, le attese e i problemi dopo il colpo di stato fallito Il t...read more

Decreto su Canone RAI, verranno forniti ulteriori chiarimenti

Decreto su Canone RAI

Decreto su Canone RAI: verrà pubblicato domani, martedì 31 maggio 2016, il nuovo decreto sul Canone RAI 2016, per indicare ulteriori chiarimenti ai dubbi che persistono in merito al canone che, a partire dal 2016, è entrato in vigore con un diverso pagamento. Fino all’anno scorso, come è facile ricordare, il canone veniva pagato con bollettino postale, in un’unica rata annuale (o due, per i nuovi clienti); da luglio 2016, invece, il pagamento di questo canone verrà effettuato direttamente nella bolletta elettrica, con una suddivisione in dieci rate e per un pagamento totale di 100 euro.

Decreto su Canone RAIPer chi non fosse in possesso di un televisore o avesse già una intestazione del canone diversa dalla bolletta elettrica (e quindi si ritroverebbe a pagare due volte la tassa), c’è stata l’opportunità debitamente segnalata dall’Agenzia delle Entrate di indicare la propria posizione attraverso la semplice compilazione e presentazione di un modulo. Scaduti i termini (il 16 maggio), si attendono ulteriori notizie ed informazioni sulle modalità di esenzione.

Per il momento però è atteso un nuovo decreto da parte del Ministero dello Sviluppo Economico sul Canone RAI 2016, in cui verranno date nuove indicazioni in merito: per esempio, si potrà sapere come comportarsi in caso di chi risiede nell’immobile ma non è titolare dell’utenza elettrica – che potrebbe dover pagare entro il 31 ottobre 2016 con un versamento unico da 100 euro tramite F24.

Molti sono gli aspetti da tenere in considerazione, ma per avere ulteriori informazioni e delucidazioni non rimane che attendere i prossimi giorni.

Tag:

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Il sito usa i cookie (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi