close
Breaking news

Assicurazione Auto donna costa di più in Veneto: l’inchiesta SosTariffe L’i...read more Trainanti nella crescita del mercato auto nel 2016 Italia, Spagna e Germania Uno...read more Consumatori lamentano scarsa trasparenza su canone in bolletta A partire dal mes...read more Crollo borsa Turchia, le attese e i problemi dopo il colpo di stato fallito Il t...read more

Il fisico Parisi lancia l’allarme sulla ricerca: Italia rischia di non avere futuro

In Italia si sono persi 15mila cervelli dedicati alla ricerca che sono fuggiti all’estero, in 8 anni sono calati del 20% gli investimenti, del20% il personale e del20% le strutture. Questi sono i dati riferiti dal fisico Parisi della ”Sapienza” di Roma che ha lanciato un appello per salvare la ricerca, già sottoscritto da oltre 50mila persone. L’appello è al governo italiano affinché siano aumentate le risorse dedicate alla ricerca, dall’attuale 1% del Pil almeno al 3%, come avviene negli altri Paesi Europei.

Il fisico, poi, è stato critico nei confronti del governo che ha destinato 1,5miliardi di Euro alla nuova collocazione di Human Technology nell’area ex EXPO di Milano, gestita dall’Istituto Italiano di tecnologia, una fondazione privata di Genova, mentre alle Università non vengono dati fondi per la ricerca, avendo destinato risorse per 92 milioni per tutte le aree del sapere nel prossimo triennio.

Lo Stato ha sbloccato le assunzioni per 800 ricercatori, contro i 15 mila che hanno dovuto emigrare; di questo passo, sostiene il fisico, ci vorranno 15 anni per rientrare in un organico giusto. Parisi ha terminato con una frase significativa: ”In un mondo in cui la conoscenza è tutto, un Paese che non investe in ricerca, sviluppo, cultura, non ha futuro.”

Tag:

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Il sito usa i cookie (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi