close
Breaking news

Assicurazione Auto donna costa di più in Veneto: l’inchiesta SosTariffe L’i...read more Trainanti nella crescita del mercato auto nel 2016 Italia, Spagna e Germania Uno...read more Consumatori lamentano scarsa trasparenza su canone in bolletta A partire dal mes...read more Crollo borsa Turchia, le attese e i problemi dopo il colpo di stato fallito Il t...read more

Polizze terremoti in Italia, cosa potrebbe cambiare

Polizze terremoti

Quali sono i cambiamenti previsti sulle polizze terremoti in Italia

Le polizze terremoti in Italia potrebbero essere considerate, a ragion veduta, un ottimo metodo di controllo sui rischi per le persone terremotate ed in genere le famiglie delle vittime. In molti altri paesi del mondo la situazione è particolarmente positiva ed a favore delle persone, visto che le compagnie assicurative – in tantissimi casi come Giappone e California – hanno l’obbligo di offrire premi ed incentivi per chi voglia assicurarsi contro terremoti e calamità naturali.

Polizze terremotiMa in Italia la situazione è diversa: stando alle recenti informazioni che si hanno sui comportamenti in merito ai rischi del terremoto, solo l’1% delle case – un numero comunque risicato – è assicurato dalla presenza di polizze assicurative sui terremoti. Inoltre, queste polizze sono configurate comunque come volontarie: ciò significa che nel nostro Paese la decisione di assicurare le case contro i terremoti è volontaria e non obbligatoria, e pertanto molto rara, anche perché non è così facile che le persone – a fronte di altre spese – riescano a sostenere anche quelle di un premio assicurativo contro i terremoti.

Cosa potrebbe cambiare? Si potrebbe introdurre l’obbligo di polizza contro il rischio sismico, ma secondo il Governo, si tratterebbe di un’arma a doppio taglio, perché essa verrebbe vista come una tassa più che come una possibilità di difesa. Mettere in atto però degli incentivi potrebbe essere un’idea: in questo modo, gli italiani sarebbero spinti in maniera naturale a mettere in atto dei comportamenti preventivi ed i rischi sarebbero di gran lunga minori.

Tag:

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Il sito usa i cookie (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi