close
Breaking news

Assicurazione Auto donna costa di più in Veneto: l’inchiesta SosTariffe L’i...read more Trainanti nella crescita del mercato auto nel 2016 Italia, Spagna e Germania Uno...read more Consumatori lamentano scarsa trasparenza su canone in bolletta A partire dal mes...read more Crollo borsa Turchia, le attese e i problemi dopo il colpo di stato fallito Il t...read more

Polizze terremoti nel mondo: cosa cambia rispetto all’Italia

Polizze terremoti nel mondo

Polizze terremoti nel mondo: quali sono i comportamenti degli altri Stati

L’Italia è, senza alcun dubbio, una delle nazioni a più elevato rischio sismico, con preferenza che va in particolare verso il centro ed il Sud Italia. Le ultime scosse di terremoto che si sono verificate nel centro del Belpaese e che hanno raso al suolo molte località come Accumoli ed Amatrice, hanno fatto riflettere anche sulla necessità di regolarizzare una situazione di controllo e prevenzione sugli edifici, molti dei quali – specialmente in città di antica costruzione – non rispettano le normative sismiche.

Polizze terremoti nel mondoMa il problema non riguarda solo il rispetto delle normative in fatto di costruzioni. Il punto è che nel nostro paese non sono ancora ben configurate delle polizze sui terremoti e su altre calamità naturali che possano dare sostegno alle persone terremotate ed alle famiglie delle vittime di terremoti. Di questo si sta discutendo negli ultimi tempi, ma quali sono le notizie sui comportamenti che vigono negli altri paesi del mondo?

Sulle polizze terremoti nel mondo possiamo dire che se in Italia meno dell’1% delle case è coperto da assicurazioni sui terremoti, in Romania e Turchia vige l’obbligo ad assicurare gli edifici, mentre Francia, Spagna e Belgio danno la possibilità di scegliere. In California, ad esempio, il comportamento di fronte al rischio terremoti è volontario, ma le compagnie assicurative sono obbligate ad offrire premi ed incentivi mentre non è previsto alcun particolare comportamento dello Stato. Cosa succede in altri paesi? Particolare è il comportamento del Giappone, dove invece lo Stato prende il ruolo di ri-assicuratore e deve coprire una capacità di quasi 40 miliardi di dollari.

Tag:

No Comments

Leave a reply

Post your comment
Enter your name
Your e-mail address

Story Page

Il sito usa i cookie (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi